Omeopatia classica

I coaguli possono essere causati da danni ai vasi sanguigni. I coaguli possono causare gravi problemi di salute (infarto o ictus, embolia e così via). Possono avere gravi conseguenze per la salute, come ictus, infarto, embolia e altre complicazioni. È quindi importante identificarle rapidamente.

Coagulo di sangue

I coaguli di sangue possono essere descritti come un aggregato di cellule del sangue legate insieme alla proteina fibrina. Si formano quando i vasi sanguigni sono danneggiati. Può bloccare un'arteria o una vena, a seconda dei casi. La rottura di un vaso può causare un'emorragia. Per risolvere il problema, l'organismo innesca tutta una serie di reazioni chimiche che portano alla formazione di un coagulo.

A seconda della situazione, il coagulo può bloccare una vena o un'arteria. Può formarsi nella rete venosa profonda e staccarsi, raggiungendo i vasi polmonari. Può causare ictus o infarti se si trova in un'arteria. Un blocco venoso può verificarsi anche nell'arto inferiore dopo un'immobilizzazione prolungata. Questa condizione è chiamata flebite.

Coagulo venoso profondo

Un coagulo venoso profondo può manifestarsi con una serie di sintomi, tra cui gonfiore, scolorimento della pelle e dolore, oltre a problemi respiratori, aumento della frequenza cardiaca o febbre lieve.

L'Inserm stima che ogni anno in Francia si verifichino da 50 a 100.000 casi di flebite e 40.000 embolie polmonari. Queste ultime sono causate dall'ostruzione di una o più arterie che irrorano il polmone. L'embolizzazione è associata a un tasso di mortalità di 6% nella fase acuta e di 26% nel periodo di un anno.

Anche le cause di paraflebite sono 250.000 all'anno. Si tratta di una condizione in cui una vena è ostruita e quasi mai raggiunge le parti più profonde. Tuttavia, questo numero è probabilmente sottostimato.

I segni

Colorazione, calore, gonfiore... I diversi segni da riconoscere

Strano colore della pelle

Un coagulo di sangue può causare uno scolorimento della pelle.

Nella regione trombizzata, la pelle può essere rossa, infiammata o leggermente cianotica. Può essere di colore blu scuro. Questo è il motivo per cui il colore cambia. È causata dall'accumulo di sangue sotto la pelle. Il colore della pelle non svanisce spontaneamente, proprio come il gonfiore. La decolorazione non svanisce con il tempo. Talvolta, il gonfiore può apparire lucido e biancastro.

Calore

Un coagulo può causare un aumento della temperatura corporea. È possibile che l'area interessata diventi anormalmente calda. Questi sintomi sono di solito segni di infiammazione che si diffonde nell'area interessata.

Gonfiore doloroso

A volte si avverte un gonfiore doloroso, soprattutto se il coagulo si trova nella gamba o nella caviglia. Il gonfiore non è evidente e non può essere trattato con le cure standard. Causa i crampi al polpaccio.

"In concreto, la circolazione del sangue non scorre a valle. SIl pozzo può essere molto grave.

Il gonfiore non scompare da solo, ma continua ad essere presente anche dopo che il coagulo di sangue è passato. Il paziente può essere preoccupato per l'improvviso cambiamento di aspetto della gamba. Spesso non è dovuto a nessun motivo particolare. È possibile che il gonfiore risulti un po' più caldo al tatto. Si tratta di un'indicazione di infiammazione nell'area circostante il coagulo.

Respirazione affannosa

Quando il coagulo si sposta, si avverte tosse e mancanza di respiro.

Oltre ai sintomi localizzati, possono esserci altri segni che potrebbero indicare lo spostamento di coaguli di sangue.Si possono notare anche segni di migrazione di coaguli nei polmoni, come dolore toracico, dispnea, dolore al petto e tosse.

Il pericolo principale di un coagulo venoso che si forma all'interno di una vena di un arto inferiore e si stacca nel flusso sanguigno è quello di causare un'embolia polmonare.

Rimedi naturali

Quali rimedi naturali si possono utilizzare per i sintomi della cattiva circolazione?

Esistono diversi tipi di trattamento a seconda della natura e dell'origine del disturbo circolatorio. Un supporto elastico (fasce o calze, calzini, ecc.) può comprimere le gambe per favorire il ritorno del sangue al cuore. Alcuni farmaci venotonici possono essere utilizzati anche per alleviare i sintomi di un disturbo della circolazione sanguigna. Possono essere assunti per via orale o topica (sotto forma di creme) e contengono molecole sintetiche o estratti di piante.

La cattiva circolazione può essere corretta con rimedi naturali. Come si può trattare l'insufficienza venosa in modo naturale?

Ogni giorno, adottate i comportamenti giusti

La prevenzione è il modo migliore per alleviare i sintomi della cattiva circolazione sanguigna. Evitare situazioni e comportamenti che potrebbero causare problemi circolatori è il modo migliore per alleviarli.

È necessario adottare le posture corrette. Per una buona circolazione sanguigna, è meglio tenere le gambe distese il più spesso possibile in posizione seduta o sdraiata. Inoltre, evitate il più possibile di accavallare le gambe. Se state seduti troppo a lungo, dovreste alzarvi. Si può anche pensare di indossare calze a compressione. I piedi possono essere sollevati di qualche centimetro per favorire un buon ritorno venoso durante la notte.

Attività fisica regolare e adeguata: Oltre a camminare almeno 20 minuti al giorno e a usare le scale invece dell'ascensore, è consigliabile praticare regolarmente sport di resistenza per mantenere la salute muscolare e cardiovascolare. Rafforza il cuore, i vasi sanguigni e le arterie. I muscoli delle gambe tonici contribuiscono a migliorare il ritorno venoso. Correre, ballare, nuotare e camminare sono tutte opzioni valide. Sono sconsigliate le attività che provocano il calpestio o lo "sballottamento" dell'arco del piede o che bloccano la circolazione sanguigna (tennis e pallacanestro, squash, equitazione judo, tennis da tavolo, squash, tennis da tavolo, ecc. );

Evitare fonti di calore e indumenti stretti. È meglio evitare bagni caldi, saune, hammam e cerette a caldo. Inoltre, limitare l'esposizione alla luce solare ed evitare di camminare su pavimenti riscaldati. Il calore può dilatare le vene e causare insufficienza venosa. È importante indossare abiti larghi e scarpe adeguate (ad esempio, evitare stivali o tacchi alti).

Controllare il peso e smettere di fumare. Evitare gli alimenti che causano la congestione delle vene (caffè, tè, alcol, spezie, ecc.). Anche il tono delle vene può essere influenzato dal fumo.

Rilassare le gambe la sera. Esistono diversi esercizi che possono aiutare a riattivare la circolazione e ad alleviare i sintomi della cattiva circolazione sanguigna. Si tratta di sdraiarsi sulla schiena con i piedi in alto e i piedi in aria.

Omeopatia

L'omeopatia è un trattamento naturale che può essere utilizzato per alleviare i sintomi della cattiva circolazione o limitarne lo sviluppo.

  • Hamamelis La virginia può essere utilizzata per trattare le vene a ragno o varicose dolorose. È particolarmente sensibile al calore e all'umidità.
  • La Vipera Aspis è un trattamento efficace per le varici dolorose, soprattutto quando l'arto pende.
  • Aesculus (Ippocastano), può essere utilizzato per trattare le vene varicose degli arti inferiori che sono bluastre o distese. È consigliato per il trattamento delle varici dell'esofago, che sono circondate da dilatazione venosa.
  • La Collinsonia canadensis può essere utilizzata per trattare le distensioni venose degli arti inferiori e le varici vulvari. È particolarmente indicato per il trattamento dei disturbi circolatori nelle donne in gravidanza, come l'attacco emorroidario causato dalla stitichezza.

Questi trattamenti naturali possono essere assunti in bassa diluizione (5-8-9 CH), con una dose di 3-5 grammi mattina e sera.