libri, donna, ragazza

Il trattamento dell'ADHD con erbe e integratori alimentari è controverso. Man mano che un maggior numero di studi clinici esamina i vantaggi delle erbe tradizionali nel trattamento di disturbi come la riduzione della memoria nel morbo di Alzheimer, vengono sollevate alcune interessanti domande sui benefici delle erbe e degli integratori nel trattamento dei problemi di disattenzione nell'ADHD.

L'analisi della medicina complementare è appena iniziata. Man mano che i rimedi autoctoni vengono studiati in modo più ampio, siamo sorpresi di scoprire cure per l'ADHD che crescono proprio nei nostri giardini.

Erbe per l'ADHD

Alcuni erboristi consigliano tisane per l'ADHD. Vengono consigliate molte tisane, ma non la Peonia, BacopaLa melissa e il ginseng sono alcuni di quelli che hanno dimostrato, in studi clinici, di fornire alcuni benefici. Gli adulti con ADHD possono provare volentieri alcuni di questi tè, ma convincere i bambini a provarli può essere una sfida, perché alcuni di essi hanno un sapore sgradevole.

Ginseng

Gli studi che collegano la maggior parte di questi tè ai progressi dell'attenzione sono limitati, ma ci sono molti studi positivi che collegano il Ginseng a risultati positivi per la salute. Esistono studi positivi anche per altri prodotti noti come Ginseng ma che sono altri adattogeni, ad esempio il Ginseng indiano (Ashwagandha) e il Ginseng asiatico (Rhodiola). Tutti i "Ginseng" sono sostanze adoptogene che sembrano aiutare a combattere lo stress. Lo stress sembra peggiorare tutti i problemi associati al cervello, quindi il Ginseng non può nuocere al trattamento dell'ADHD.

Rodiola

I medici raccomandano la rodiola per i pazienti con sintomi di rallentamento del tempo cognitivo e, in realtà, in letteratura si trovano molti studi che indicano che la rodiola potrebbe essere utile per i sintomi di rallentamento. Rispetto al ginseng cinese, la rodiola sembra avere risultati stimolanti.

Aminoacidi, minerali e vitamine

Gli aminoacidi (tirosina, L-carnitina e fosfatidilserina) sono stati ampiamente studiati come rimedi per il disturbo da deficit di attenzione nei bambini e negli adulti. Sembra che, nella maggior parte delle persone affette da ADHD, funzionino per le prime due settimane e poi smettano di funzionare. Alcuni scienziati ritengono che sia necessario disporre di quantità e miscele specifiche di determinate vitamine perché gli aminoacidi facciano la differenza; se queste miscele mancano, gli aminoacidi non avranno alcun effetto.

Il picnogenolo è stato studiato e sembra aiutare in qualche modo la memoria, anche se non sempre con l'ADHD. Gli acidi grassi Omega-3 dovrebbero aiutare le funzioni cerebrali e anche lo zinco e i folati possono aiutare i sintomi dell'ADHD. Lo zinco è una vitamina utile per mantenere in funzione gli enzimi, che favorisce il funzionamento del sistema immunitario, la funzionalità dei nervi ed è ottimo anche per le percezioni e la salute dei capelli.

Il folato è una vitamina idrosolubile appartenente alla classe delle vitamine B. È importante in quanto svolge un ruolo nell'elaborazione degli aminoacidi e in molte funzioni cellulari dell'organismo. È importante perché svolge un ruolo nell'elaborazione degli aminoacidi e in molte funzioni cellulari dell'organismo. I ricercatori ritengono inoltre che sia necessario mantenere livelli sani di calcio, magnesio, ferro e colina e che queste vitamine e minerali possano svolgere un ruolo nella gestione dei sintomi del deficit di attenzione.

Conclusione

Molti antichi rimedi erboristici hanno aiutato l'attenzione e la memoria. Il Ginseng che ho menzionato sopra è un'erba usata da molti anni per potenziare la memoria, ma ce ne sono molte altre, come ad esempio Rosemary odore, olio di semi d'uva, aglio e cipolla che possono essere d'aiuto. L'analisi della medicina complementare è agli albori e ritengo che, man mano che alcuni di questi rimedi autoctoni saranno studiati in modo più ampio, potremmo scoprire cure sorprendenti che crescono direttamente nei nostri giardini.