Una pianta serpente di sansevieria trifasciata nella finestra di un interno di una casa moderna o di un appartamento.

L'inquinamento ambientale è la contaminazione dei componenti biologici e fisici dell'aria in misura tale che i normali processi ambientali sono influenzati negativamente. L'inquinamento dell'aria è l'inquinamento dell'ambiente tramite l'aggiunta di sostanze chimiche, gas nocivi, particolato ecc. che disturbano la sua naturale composizione chimica e fisica.

Conseguenze della contaminazione dell'aria

L'inquinamento dell'aria proviene da fonti naturali e artificiali come la combustione, la costruzione, l'estrazione mineraria, l'agricoltura, le automobili, l'industrializzazione e la guerra. Gli inquinanti gassosi comuni dell'aria includono l'anidride carbonica, l'anidride solforosa, i clorofluorocarburi (CFC) e gli ossidi di azoto insieme al particolato o alla polvere.

L'inquinamento causa non solo disturbi fisici, ma anche disturbi comportamentali e psicologici negli esseri umani come mal di testa, bronchite, asma, irritazione degli occhi, malattie cardiovascolari ecc. Anche gli animali e le piante possono essere colpiti dalla contaminazione. Le particelle fini o la polvere microscopica dei fuochi di legna o di carbone e i motori diesel non filtrati sono classificati tra i tipi più letali di inquinamento dell'aria causati dall'industria, dai trasporti, dal riscaldamento domestico, dall'irrigazione e dalla cottura o dalle centrali a petrolio.

Inquinamento dell'aria interna

Insieme all'inquinamento dell'aria esterna, l'inquinamento dell'aria interna è attualmente visto male da molte organizzazioni sanitarie come uno dei migliori rischi per la salute umana, poiché la maggior parte delle persone oggi trascorre circa il 90% del tempo al chiuso, in ufficio o a casa. La qualità dell'aria interna inquinata impone sia a breve termine (irritazione degli occhi, nausea, mal di testa, reazioni allergiche, asma) che a lungo termine (bronchite cronica, malattie cardiovascolari, cancro ai polmoni, danni al fegato e ai reni) impatti sulla salute.

La qualità dell'aria interna (IAQ) è un termine che si riferisce alla qualità dell'aria all'interno e intorno agli edifici in relazione alla salute e al comfort degli occupanti dell'edificio. Più di tre miliardi di persone nel mondo continuano a fare affidamento sui combustibili solidi, come i combustibili da biomassa (legno, letame, residui agricoli) e il carbone, per il loro fabbisogno energetico. Cucinare e riscaldare con combustibili solidi su fuochi aperti o stufe convenzionali porta a livelli elevati di inquinamento dell'aria interna. Il fumo indoor comprende una serie di inquinanti dannosi per la salute, come piccole particelle e monossido di carbonio.

L'inquinamento dell'aria interna è diffuso sia a livello rurale che urbano. L'inquinamento dell'aria interna urbana può essere sperimentato in edifici compatti mal ventilati come appartamenti, auditorium, teatri, ospedali, scuole, college, ecc. a causa delle riunioni umane e dei prodotti dello stile di vita contemporaneo come condizionatori d'aria, aspirapolvere, deodoranti per ambienti, spray, disinfettanti, vernici e dipendenza dal fumo, ecc. L'inquinamento dell'aria interna nelle zone rurali è dovuto principalmente all'uso di stufe standard che usano il gas naturale (carbone, legno) per cucinare e che scaricano una grande quantità di fumo e CO che influisce sulla procedura respiratoria.

Qualità dell'aria interna

La qualità dell'aria interna (IAQ) può essere influenzata da contaminazione microbica, gas come Radon, CO, CO2, composti organici volatili come formaldeide, benzene, tricloroetilene, xilene, toluene, particolato, polline e spore di funghi, pesticidi ecc. o qualsiasi stress di massa o energetico che può causare condizioni di salute avverse. La maggior parte degli inquinanti interni sono cancerogeni e neurotossici.

L'IAQ può essere migliorata da una corretta ventilazione, dall'uso di filtri e ventilatori di scarico fino a un certo punto. Metodo alternativo per affrontare l'inquinamento dell'aria interna

Alcune piante che potrebbero essere coltivate all'interno (piante che amano l'ombra) possono essere tranquillamente manipolate come buona fonte di riduzione dell'inquinamento dell'aria interna. Le piante, in virtù della capacità di fotosintetizzare, possono assorbire l'anidride carbonica atmosferica attraverso gli stomi e rilasciare ossigeno come sottoprodotto per rendere l'aria adatta alla respirazione degli esseri umani. Le piante rilasciano ulteriore vapore acqueo attraverso gli stomi attraverso la procedura fisiogica della traspirazione, causando così freschezza e aumentando l'umidità nell'atmosfera circostante. Quindi le piante sono pronte allo scopo di purificare l'aria e agire come sostituto dei condizionatori d'aria fino a un certo punto. Le piante sono più capaci di filtrare le sostanze inquinanti rispetto ai filtri e ai depuratori d'aria che consumano elettricità. Il bonus aggiunto quando le piante servono come purificatori è che sono belle e forniscono una situazione decorativa naturale (verde) che causa calma e pace negli interni. Le piante sono poco costose, non richiedono energia per funzionare.

Piante come depuratori d'aria interna

Gli studi indicano che le piante d'appartamento rimuovono gli inquinanti dell'aria interna. La maggior parte delle piante d'appartamento si sono probabilmente sviluppate da piante che crescono nel sottobosco delle foreste pluviali e sotto le chiome di alberi enormi come Banyan Ficus ecc. Queste piante devono avere la capacità di sopportare le alte concentrazioni di muffe e funghi e proteggersi dagli attacchi alle loro foglie. Si sono adattate creando microbi sul sistema principale che serve all'obiettivo di biodegradare muffe e funghi e sono anche in grado di biodegradare efficacemente gli inquinanti interni comuni come il monossido di carbonio, la formaldeide e il benzene, che sono sottoprodotti dei prodotti domestici e di pulizia, e offrono protezione contro le spore batteriche trasportate dall'aria.

Le piante insieme al mezzo in cui sono cresciute sono in grado di eliminare 99. 9% le tossine dall'aria interna inquinata, specialmente i VOC. Non è il fogliame, ma i batteri del suolo associati che si sviluppano nella rizosfera di quelle piante da interno in vaso sono in grado di biodegradare i composti tossici quando vengono attivati dallo sviluppo delle radici delle piante.

Ci sono circa 50 piante che potrebbero essere coltivate in casa e che si sono probabilmente sviluppate da piante che crescono nel sottobosco delle foreste pluviali e sotto le chiome di alberi enormi. I nomi di alcune piante comunemente usate accettabili per le condizioni ecologiche indiane sono citati qui sotto:

    • Anthurium
    • Begonia
    • Asplenium
    • Dieffenbachia
    • Dracaena
    • Impianto di gomma
    • Fittonia
    • Maranta
    • Monstera
    • Syngonium
    • Alocasia
    • Philodendron
    • Pothos,
    • Bambù Palma,
    • Poinsettia
    • Giglio della pace
    • Azalea
    • Palma di Areca
    • Felce Bosten
    • Nano Data Palma

Vasi di piante da appartamento fai da te per un ambiente sano

Per mantenere l'ambiente interno sano e privo di sostanze inquinanti si suggerisce di mettere le piante da interno in vaso nella stanza o nella sala di montaggio, nelle scuole, negli ospedali in una posizione dove la luce del sole va per qualche tempo durante le ore del giorno. Tuttavia, esistono importanti domande sul fatto che le piante possano effettivamente influenzare l'aria interna in modo soddisfacente. Alcuni scienziati dimostrano l'efficacia delle piante come pulitori dell'aria interna.

Inizialmente si pensava che le piante rimuovessero i composti con l'assorbimento attraverso le foglie e i processi fotosintetici, ma la ricerca che misura il numero di inquinanti in presenza di piante con foglie e dopo aver rimosso le foglie indica che non sono le foglie ma la microflora della rizosfera (batteri del suolo) di quelle piante ha la capacità di degradare e decomporre gli inquinanti. Gli scienziati hanno identificato diversi comuni batteri del suolo isolati dalla zona radice-suolo che sono in grado di biodegradare le sostanze chimiche tossiche quando innescati dalla crescita delle radici delle piante

Poiché le piante eliminano le sostanze inquinanti e rendono l'ambiente pulito, la consapevolezza dovrebbe essere creata tra le masse per la loro coltivazione, propagazione e apprezzamento

Per il giardinaggio e la manutenzione delle piante da interno si deve prestare la dovuta attenzione

Le piante devono essere coltivate in vasi con una miscela di terriccio delicato con terra, fertilizzanti e sabbia.

I vasi dovrebbero essere collocati dove entra qualche frazione di sole. Le piante potrebbero essere portate fuori una volta alla settimana per un paio d'ore.

Le piante devono essere annaffiate e pulite correttamente. Si deve evitare l'accumulo d'acqua perché la microflora del suolo ostacola realmente gli inquinanti interni.