gravidanza, grano, gravidanza

Da ciò la prima indicazione che si aspetta un bambino, è necessario controllare che la vostra dieta sia all'altezza. Molti esperti consigliano alle donne che cercano di rimanere incinte di iniziare a prendere integratori di acido folico. Questo per assicurarsi che la vostra dieta e l'assunzione di nutrienti forniscano al vostro corpo le sostanze nutritive corrette prima ancora di iniziare a tentare e concepire.

L'assunzione di acido folico è l'unico integratore raccomandato dai medici alle donne in gravidanza, almeno fino a dopo le prime 12 settimane di gravidanza. L'acido folico aiuta a proteggere da disturbi come la spina bifida e altre malformazioni congenite, come la palatoschisi, o il labbro leporino, nel neonato in via di sviluppo. È anche fondamentale per la crescita del midollo spinale e del sistema nervoso del bambino. Come vitamina B, l'acido folico è un requisito vitale per il corpo. Questo è come è richiesto per lo sviluppo del materiale genetico delle cellule, il DNA. È anche necessario per la crescita e lo sviluppo e per il mantenimento di un sistema nervoso sano.

Molte donne preferiranno prendere solo integratori alimentari biologici per poter prevenire l'uso di sostanze chimiche artificiali. Anche se la maggior parte degli integratori alimentari non causerà alcun problema, ci sono una serie di condizioni in cui è necessario verificare prima con il medico prima di prenderli. Per esempio, se una donna ha un rischio maggiore di concepire un bambino con un difetto del tubo neurale, vorrà avere una dose giornaliera più alta di acido folico. Allo stesso modo, se la futura mamma soffre di celiachia, diabete mellito, falcemia, anemia falciforme o assume certi farmaci, allora potrebbe voler assumere anche la dose.

Altri integratori che potrebbero essere presi sono le pillole di ferro, in caso di minaccia di anemia. Se non si dispone di un numero sufficiente di globuli rossi, si viene considerati anemici, e gli integratori di ferro possono aiutare a ricostruire la produzione di globuli rossi.

I vegani e i vegetariani sono più vulnerabili alla carenza di ferro perché la loro dieta non è a base di carne rossa. Anche se non c'è una ragione medica per cui una futura mamma vegetariana possa soffrire di anemia, vale la pena di verificare con il proprio medico di famiglia, poiché le donne incinte hanno bisogno di più ferro del solito. Il ferro aiuta i globuli rossi a dividersi e a moltiplicarsi, quindi il vostro corpo ne ha bisogno di più durante i periodi di crescita rapida, come la gravidanza.